Condividi

Trascrizione di atti di Stato Civile formati all'estero

Descrizione

Gli atti ed i provvedimenti di Stato Civile formati all'estero riguardanti i cittadini italiani o le relative dichiarazioni che li riguardano, rese secondo le norme stabilite dalla legge del luogo alle autorità locali straniere competenti, devono essere inviate senza indugio a cura della parte interessata all'autorità diplomatica o consolare italiana che si trova su quel territorio che le trasmetterà al Comune italiano competente per la loro trascrizione nei registri dello Stato Civile .

La trascrizione può essere richiesta anche dai diretti interessati, personalmente oppure tramite persona munita di mandato, all'Ufficio dello Stato Civile del Comune competente presentando gli atti debitamente legalizzati e tradotti in italiano (a meno che non siano stati rilasciati da Stati con cui vigono accordi internazionali che prevedono l'esenzione da tale formalità). La funzione della legalizzazione consiste nel certificare la provenienza degli atti e la qualifica dei loro firmatari.

Nota bene: prima di richiedere la trascrizione è necessario accertarsi che l'atto non sia già stato trascritto in altro comune italiano. Diversamente, qualora venga accertata successivamente una doppia trascrizione, si dovrà provvedere, con provvedimento del Tribunale, all'annullamento della seconda.

A chi rivolgersi

Responsabile Patrizia Corazza

Telefono: 051/6620241

Cellulare:

Fax: 051/6620243

E-mail: patrizia.corazza@comune.malalbergo.bo.it

Profilo: Istruttore Direttivo

Funzioni: Responsabile Settore Affari Generali e Comunicazione

close

Cosa occorre

L'atto di stato civile di cui si chiede la trascrizione deve essere:
  1. in originale, con legalizzazione o Apostille (se il Paese aderisce alla Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961), corredato da traduzione ufficiale, legalizzata o con Apostille. La legalizzazione non è richiesta se l'atto è stato formato in uno Stato aderente a Convenzioni esentative, oppure redatto su modello plurilingue se l'atto è stato formato in uno Stato aderente alla Convenzione  di Vienna dell'8 settembre 1976;
  2. non contrario all'ordine pubblico italiano.

La richiesta di trascrizione dell'atto di matrimonio celebrato all'estero deve essere sottoscritta da entrambi gli sposi.
La richiesta di trascrizione dell'atto di nascita del figlio minore può essere presentata anche da uno solo dei genitori.

Tempi a conclusione del procedimento

30 giorni dalla protocollazione dell'istanza.

Avverso il provvedimento negativo è ammesso il ricorso al Tribunale ai sensi degli artt. 95 e segg. Dpr 396/2000

Normativa di riferimento

  • Dpr n. 396 del 3 novembre 2000 "Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'articolo 2, comma 12, della legge 15 maggio 1997, n. 127" e circolari integrative
  • D.m. del 27 febbraio 2001, in G.U. n. 66 del 20 marzo 2001 "Tenuta dei registri dello stato civile nella fase antecedente all'entrata in funzione degli archivi informatici".
  • Legge 31 maggio 1995, n. 218 "Riforma del sistema italiano di dirtto internazionale privato"

Modulistica

La modulistica è disponibile in due formati, entrambi gratuiti: PDF e RTF
Richiesta di trascrizione nei registri dello Stato Civile di atto o provvedimento formato all'estero
width=
Anagrafica dell'Ente
Comune di Malalbergo
Piazza dell'Unità d'Italia 2
40051 Malalbergo (BO)
Tel. centralino 051.662.02.11
PEC: comune.malalbergo@cert.provincia.bo.it
Codice Fiscale: 80008310379
Partita IVA: 00701931206

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web.
XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La redazione e la gestione di questo sito è a cura dell'URP del Comune di Malalbergo.
Pubblicato nel febbraio 2017
Sito realizzato da Punto Triplo

Area riservata