Condividi

SPECIALE - Elezioni Amministrative ed Europee - 26 Maggio 2019

Focus sulla Propaganda elettorale

Le formazioni politiche ammesse alla consultazione hanno la facoltà di svolgere propaganda elettorale con comizi o riunioni di propaganda, senza il preventivo avviso al Questore, a partire dal 30° giorno antecedente quello della votazione (da venerdì 26 aprile 2019) (ex. art. 6 della Legge 4 aprile 1956, n. 212 e art. 7, comma 1 della Legge 24 aprile 1975, n. 130);

L'amministrazione comunale con D.G. n. 73 del 30/08/2018 ha quindi provveduto ad individuare le postazioni in cui sono possibili tali iniziative (in particolare elencati nell'allegato A della D.G. n. 73 del 30/08/2018);

COSA E' QUINDI AMMESSO FARE DAL 30° GIORNO ANTECEDENTE LA VOTAZIONE?
– E' ammessa la propaganda elettorale a mezzo di manifesti, scritti, stampati o giornali murali, nei limiti consentiti dalla legge 4 aprile 1956, n. 212. (UBICAZIONE SPAZI DI PROPAGANDA DIRETTA)

– Inizia la facoltà di tenere riunioni elettorali e comizi senza il preventivo avviso al Questore. (vedi sopra) (art. 7, L. n. 130/1975)

E' FATTO INVECE DIVIETO:

• della propaganda elettorale luminosa o figurativa a carattere fisso in luogo pubblico (ivi compresi i tabelloni, gli striscioni o drappi);
• di ogni forma di propaganda luminosa mobile;
• del lancio o getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico;
• dell'uso di altoparlanti su mezzi mobili in movimento, fatta eccezione per il preannuncio dell'ora e del luogo in cui si terranno i comizi e le riunioni e solamente dalle ore 9.00 alle ore 21.30 del giorno della manifestazione e di quello precedente. (art. 6, L. n. 212/1956; art. 7, comma 2, L. n. 130/1975)
• svolgere propaganda elettorale a mezzo di inserzioni pubblicitarie su quotidiani o periodici, di spot pubblicitari e di ogni altra forma di trasmissioni pubblicitarie radiotelevisive.

Non rientrano nel divieto:
a) gli annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi od interventi comunque denominati;
b) le pubblicazioni di presentazione dei candidati e delle liste che partecipano alla consultazione;
c) la presentazione e l'illustrazione dei loro programmi elettorali. (art. 7, L. 22 febbraio 2000, n. 28)

- DELIBERA DI DELIMITAZIONE DEGLI SPAZI DI PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO, DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DI DOMENICA 26 MAGGIO 2019

- DELIBERA DI ASSEGNAZIONE SPAZI PROPAGANDA - PARLAMENTO EUROPEO

- DELIBERA DI ASSEGNAZIONE SPAZI PROPAGANDA - SINDACO E CONSIGLIO COMUNALE

Verifica della propria tessera elettorale

L'Ufficio Elettorale invita tutti gli elettori del Comune di Malalbergo a verificare che la propria tessera contenga ancora spazi utilizzabili per l'esercizio del diritto di voto.

In caso di deterioramento, smarrimento o furto il cittadino può richiedere un duplicato della Tessera presentando domanda all'Ufficio elettorale. Il rilascio del duplicato della Tessera avviene immediatamente.

Chi non avesse ancora ricevuto la tessera elettorale o chi l'avesse deteriorata o smarrita, o avesse esaurito gli spazi per la certificazione del voto di cui sopra, potrà recarsi all'ufficio elettorale del Comune, per il ritiro dell'originale in giacenza o per il rilascio della nuova tessera, previa esibizione di quella esaurita e di valido documento di riconoscimento.

NB: nel caso in cui l'interessato non possa presentarsi personalmente all'ufficio elettorale per il ritiro può incaricare un familiare oppure delegare una terza persona con un'apposita dichiarazione, alla quale va allegata copia del documento di identità del dichiarante.


UFFICIO ELETTORALE

Per ulteriori informazioni e per il ritirare le tessere elettorali ed i relativi duplicati rivolgersi all'Ufficio elettorale, ubicato presso la sede Municipale di Malalbergo, in Piazza Unità d'Italia n. 2, piano terra.
- telefono e fax: 051 6620244,
- e-mail (PEC): comune.malalbergo@cert.provincia.bo.it

Sede Municipale di Malalbergo (Piazza Unità d'Italia 2)

Lunedì 8.30- 12.30
Martedì 8.30- 12.30
Mercoledì 8.30- 12.30
Giovedì 14.30 - 17.45
Venerdì 8.30- 12.30
Sabato 8.30- 12.30


APERTURE STRAORDINARIE DELL'UFFICIO ELETTORALE 

Venerdì 24 maggio dalle ore 9.00 alle ore 18.00

Sabato 25 maggio dalle ore 9.00 alle ore 18.00

Domenica 26 maggio dalle ore 7.00 alle ore 23.00


Informazioni generali sulle Elezioni amministrative ed europee 2019

Domenica 26 maggio 2019 si vota per l'elezione dei membri del Parlamento Europeo spettanti all'Italia e per l'elezione diretta del Sindaco e del Consiglio Comunale. Per votare, gli elettori dovranno recarsi al seggio indicato sulla propria tessera elettorale, nel giorno di domenica 26 maggio dalle ore 7,00 alle ore 23,00. Gli elettori che si troveranno nel seggio alla scadenza degli orari stabiliti saranno ammessi a votare.

CHI VOTA

Possono votare tutti gli iscritti alle liste elettorali del Comune che avranno compiuto il 18° anno di età al 26 maggio.

Possono votare i cittadini dell'Unione Europea che hanno presentato domanda di iscrizione nelle liste aggiunte per l'elezione dei membri italiani del Parlamento Europeo e per l'elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale.

Il voto si esercita presentandosi di persona presso la sezione elettorale del Comune nelle cui liste si è iscritti.

Per l'elezione dei membri del Parlamento Europeo possono votare in un qualsiasi Comune del territorio nazionale queste categorie di elettori:
- i militari delle forze armate, gli appartenenti a corpi organizzati militarmente per il servizio dello Stato, le forze di polizia ed il corpo nazionale dei Vigili del Fuoco (tutti gli appartenenti a questo gruppo di elettori sono ammessi a votare nel Comune in cui si trovano per cause di servizio);
- i ricoverati in ospedali o case di cura, i detenuti ancora in possesso del diritto di voto, i marittimi e gli aviatori fuori residenza per motivi di imbarco.


DOVE RECARSI A VOTARE

Sulla Tessera elettorale gli elettori troveranno indicato il numero e l'indirizzo del seggio dove dovranno recarsi a votare.
Si consiglia, comunque, di verificare che l'indirizzo riportato sulla tessera coincida con quello di effettiva residenza: se non coincidono, contattare l'Ufficio elettorale (tel. 051-6620244).


DOCUMENTI PER VOTARE


Per essere ammessi al voto gli elettori dovranno esibire la Tessera elettorale unitamente ad un documento di riconoscimento, per esempio carta d'identità, patente, passaporto, libretto di pensione, tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, tessera di riconoscimento rilasciata dall'Unione nazionale ufficiali in congedo d'Italia, purché convalidata da un Comando militare.
I documenti di identificazione sono considerati validi per accedere al voto anche se scaduti da non più di tre anni, purché risultino sotto ogni altro aspetto regolari e possano assicurare la precisa identificazione dell'elettore.
In mancanza di documento, l'identificazione può avvenire anche attraverso:
- uno dei membri del seggio che conosca personalmente l'elettore e ne attesti l'identità;
- un altro elettore del comune (conosciuto al seggio e provvisto di documento di identificazione), che ne attesti l'identità.
Per evitare il possibile sovraffollamento e le code degli ultimi giorni, è consigliabile verificare per tempo il possesso dei documenti necessari per l'espressione del voto.


VOTO DEGLI ELETTORI AFFETTI DA INFERMITA' FISICA

Gli elettori che a causa di infermità fisica sono impossibilitati ad esprimere personalmente il voto e che, pertanto, necessitano di un accompagnatore, se muniti di apposita certificazione medica da parte della AUSL, possono esercitare il diritto di voto con l'aiuto di un elettore volontariamente scelto‚ iscritto nelle liste elettorali in un qualsiasi Comune della Repubblica e munito della propria Tessera elettorale e di un documento di riconoscimento.
Nessuno può esercitare la funzione di accompagnatore per più di un elettore fisicamente impedito.

Se l'impedimento è a carattere permanente, è prevista l'apposizione di uno specifico simbolo sulla propria Tessera elettorale, previa richiesta dell'interessato, corredata della relativa documentazione. In tal caso l'elettore sarà sempre ammesso al voto con l'aiuto di un accompagnatore senza avere più l'obbligo di munirsi dell'apposita certificazione medica.
Dovranno comunque essere ammessi al voto assistito, senza la predetta certificazione: i ciechi civili, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da altri impedimenti di analoga gravità.

Modulistica (.pdf)
- modulo di istanza per la richiesta di annotazione permanente del diritto di voto assistito (resa dall'interessato)
- modulo di istanza per la richiesta di annotazione permanente del diritto di voto assistito (resa da un delegato o da un parente, nell'interesse di persona impedita)


CERTIFICAZIONE MEDICA PER GLI ELETTORI FISICAMENTE IMPEDITI AL VOTO

Si comunica che, in occasione della prossima consultazione elettorale del 26/05/2019, i cittadini che necessitano di certificazione d'accompagnamento ai seggi perché fisicamente impediti al voto autonomo potranno rivolgersi, dal 20 maggio al 24 maggio, ad uno qualsiasi degli ambulatori dell'AUSL allegati dalle ore 12,30 alle ore 13,00 senza necessità di prenotazione.
Il giorno 26 maggio 2019 sarà presente presso gli Ospedali di Bentivoglio, Budrio e San Giovanni in Persiceto personale medico dell'Unità Operativa di Medicina Legale per il rilascio dei certificati di cui sopra.

Gli orari e i numeri telefonici di riferimento sono i seguenti:
  • Ospedale di Bentivoglio dalle ore 08,00 alle ore 10,00  051/6644111
  • Ospedale di Budrio dalle ore 10,30 alle ore 12,30  051/ 809111
  • Ospedale di San Giovanni in Persiceto dalle ore 09,00 alle ore 11,00  051/6813111
Si ricorda che la L. 5 febbraio 2003, n.17 prevede la possibilità, per gli elettori fisicamente impediti ad esprimere autonomamente il voto a causa di infermità permanente, di presentare una richiesta al Comune di iscrizione nelle liste elettorali tendente ad ottenere l'annotazione permanente del diritto di voto assistito sulla tessera elettorale, al fine di evitare di doversi munire di volta in volta, in occasione di ogni consultazione, dell'apposito certificato medico.


VOTO DOMICILIARE


E' consentito il voto domiciliare agli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l'ausilio dei servizi di cui all'art.29 della L. 5 febbraio 1992, n.104, e agli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano. 
Per essere ammessi al voto domiciliare le persone interessate devono far pervenire al Sindaco, a partire da martedì 16 aprile ed entro lunedì 6 maggio 2019 (termine non perentorio), la dichiarazione attestante la propria volontà di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimorano, allegando una certificazione rilasciata dal funzionario medico designato dall'A.U.S.L. che attesti la condizione indicata.
Negli ambulatori dell'AUSL allegati, telefonando dalle ore 10.00 alle ore 12.00, sarà possibile ottenere informazioni sulle condizioni che danno diritto al voto domiciliare e concordare l'accesso al domicilio per il rilascio della necessaria certificazione da parte di medici della scrivente U.O.

Dichiarazione voto domiciliare


IL VOTO DEGLI ELETTORI NON DEAMBULANTI


Tutte le sedi delle sezioni elettorali sono esenti da barriere architettoniche e quindi accessibili mediante sedia a ruote.


SERVIZIO TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO PER ELETTORI NON DEAMBULANTI O CON DIFFICOLTA' DI DEAMBULAZIONE

E' stato istituito un apposito servizio di trasporto pubblico gratuito per gli elettori non deambulanti o con difficoltà di deambulazione nella giornata di votazione.

Per usufruire del servizio è necessario concordare l'appuntamento telefonando:
- entro le ore 18,00 di sabato 25 maggio, all'Ufficio Elettorale tel. 051/6620244 


AGEVOLAZIONI TARIFFARIE VIAGGI
 
Gli elettori che si recheranno a votare nel proprio comune di iscrizione elettorale potranno usufruire delle agevolazioni di viaggio applicate da enti o società che gestiscono i relativi servizi di trasporto, come di seguito sinteticamente riepilogate.

AGEVOLAZIONI PER I VIAGGI FERROVIARI

A) La società Trenitalia S.p.A. applicherà le condizioni di cui alla “Disciplina per i viaggi degli elettori” allegata all'Ordine di servizio n. 31/2012 dell'11 aprile 2012, e successive modifiche, consultabile sul sito www.trenitalia.com, nella sezione “Info e assistenza”.
Le relative agevolazioni sul prezzo dei biglietti saranno applicate in favore dei cittadini italiani per tutte le elezioni in svolgimento e dei cittadini di uno Stato membro dell'Unione europea residenti in Italia al fine di consentirne l'esercizio del diritto di voto per le elezioni europee e per le elezioni comunali. Le agevolazioni stesse sono applicabili ai soli viaggi effettuati in servizio interno Trenitalia ovvero in servizio cumulativo ed internazionale per i treni Trenitalia.
Per i viaggi degli elettori è previsto il rilascio di biglietti nominativi di andata e ritorno, con la riduzione del 60% sulle tariffe regionali (tariffe 39) e regionali con applicazione sovra regionale (tariffa 39/AS) e del 70% sul prezzo base per tutti i treni del servizio nazionale (Alta Velocità Frecciarossa e Frecciargento, Frecciabianca, Intercity, Intercity notte) e per il servizio cuccette. Le riduzioni sono applicabili per la 2^ classe e per il livello di servizio Standard.
L'agevolazione non è valida in 1^ classe, nei livelli di servizio Executive, Business e Premium, nei servizi vagoni letto, nelle vetture Excelsior, nei salottini, nonché su tutti i servizi accessori (es. ristorazione).
L'agevolazione per gli elettori non è cumulabile con altre riduzioni e/o promozioni, fatta eccezione per le agevolazioni previste in favore dei ciechi, dei mutilati ed invalidi di guerra o per servizio e dei possessori di Carta Blu che mantengono il diritto alla gratuità del viaggio per l'accompagnatore.
Inoltre, sulla base di specifici accordi internazionali con alcune imprese ferroviarie estere, per i viaggi degli elettori residenti all'estero con i treni diretti internazionali Eurocity Italia-Svizzera è prevista la riduzione del 70% in 2^ classe sulla quota spettante a Trenitalia rispetto al prezzo globale di mercato relativo al viaggio da una delle stazioni estere ad una delle stazioni italiane o viceversa servita dal treno internazionale. Sono esclusi dall'agevolazione per gli elettori residenti all'estero i servizi accessori (bici al seguito, ecc.). Per l'eventuale proseguimento fino alla stazione di destinazione indicata sul documento elettorale, si applicheranno le condizioni previste per i viaggi in servizio interno.
Per gli elettori residenti in Italia, il rilascio dei biglietti a prezzo ridotto verrà effettuato dalle biglietterie ed agenzie di viaggio Trenitalia, dietro esibizione da parte del viaggiatore della tessera elettorale. Gli stessi elettori residenti in Italia, se sprovvisti della tessera elettorale, potranno produrre una dichiarazione sostitutiva.
Per gli elettori residenti all'estero, l'emissione dei biglietti dovrà avvenire previa esibizione, oltre che della tessera elettorale, ove in loro possesso, della cartolina avviso o della dichiarazione delle Autorità consolari italiane attestante che il connazionale, titolare della dichiarazione stessa, si reca in Italia per esercitare il diritto di voto.
In ogni caso gli elettori, per poter usufruire delle agevolazioni, dovranno esibire nel viaggio di ritorno la tessera elettorale recante l'attestazione dell'avvenuta votazione.
Gli elettori dovranno altresì esibire, sia nel viaggio di andata che in quello di ritorno, idoneo documento di riconoscimento.
In caso di partenza per il viaggio di andata da stazione impresenziata o disabilitata, il viaggiatore, se munito di tessera elettorale o di autocertificazione, può ottenere dal personale di bordo l'emissione di un biglietto nominativo valido per il viaggio di andata e ritorno.
I biglietti hanno un periodo di utilizzazione di venti giorni che decorre, per il viaggio di andata, dal decimo giorno antecedente il giorno di votazione (questo compreso) e per il viaggio di ritorno fino alle ore 24 del decimo giorno successivo a quello di votazione (quest'ultimo escluso). Pertanto, in occasione delle elezioni del 26 maggio 2019, il viaggio di andata può essere effettuato non prima del 17 maggio e quello di ritorno non oltre il 5 giugno; per l'eventuale turno di ballottaggio per l'elezione del sindaco del comune, il viaggio di andata può essere effettuato non prima del 31 maggio e quello di ritorno non oltre il 19 giugno.
I biglietti con contestuale assegnazione del posto sono validi, nell'ambito del periodo di utilizzazione di venti giorni, solo per il giorno ed il treno prenotati e non devono essere convalidati.
In ogni caso il viaggio di andata deve essere completato entro l'orario di chiusura delle operazioni di votazione e quello di ritorno non può avere inizio se non dopo l'apertura del seggio elettorale. Lo stesso periodo di utilizzazione è previsto anche in caso di secondo turno di consultazioni.
I biglietti per i treni del servizio nazionale e internazionale (a tariffa Italian Elector) Alta Velocità Frecciarossa e Frecciargento, Frecciabianca, Intercity, Intercity notte e Eurocity, sono validi esclusivamente per il giorno ed il treno prenotati e non devono essere convalidati. Per l'accesso a treno diverso da quello prenotato, valgono le regole previste per il biglietto base.
I biglietti per i treni regionali sono senza assegnazione del posto e, per essere validi, devono essere convalidati prima di iniziare sia il viaggio di andata che quello di ritorno.

B) La società “ Italo - Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A.“ (NTV) applicherà, sul prezzo al pubblico dei propri biglietti ferroviari, le agevolazioni tariffarie in favore dei cittadini italiani che si recheranno nella località della propria sede elettorale di iscrizione, al fine di esercitare il diritto di voto per tutte le elezioni in svolgimento. Tali agevolazioni sono applicabili ai soli viaggi effettuati sul territorio nazionale.
Gli elettori potranno acquistare i biglietti ferroviari per viaggi da effettuarsi verso la località della propria sede elettorale di iscrizione o comunque verso località limitrofe o utili a raggiungere tale località, con una riduzione pari al 60% sul prezzo al pubblico.
L'agevolazione potrà applicarsi esclusivamente ai biglietti ferroviari di andata e ritorno acquistati per viaggiare in ambiente Smart e Comfort, con le offerte Flex ed Economy.
Nessuna agevolazione sarà riconosciuta da Italo per l'acquisto di:
- biglietti in ambiente Prima e/o Club;
- biglietti cumulativi, ovvero relativi a due o più passeggeri;
- servizi accessori al servizio di trasporto (es. servizio ristorazione, servizio cinema, ecc.).
I biglietti agevolati potranno essere acquistati:
- tramite contact center Italo, dalle ore 7:00 alle ore 23:00, a mezzo carta di credito o prepagata;
- presso le biglietterie di stazione Italo, tramite carta di credito o prepagata, bancomat o contanti:
- mediante canale web, tramite il sito www.italotreno.it.
Gli elettori, per poter usufruire dell'agevolazione, dovranno esibire al personale di Italo addetto al controllo a bordo del treno:
- nel viaggio di andata, unitamente ad un valido documento di identità, la propria tessera elettorale o una dichiarazione sostitutiva attestante che il biglietto agevolato è stato acquistato per recarsi presso la località della propria sede elettorale di iscrizione, al fine di esercitare il diritto di voto;
- nel viaggio di ritorno, unitamente ad un valido documento di identità, la propria tessera elettorale recante l'attestazione dell'avvenuta votazione.
I biglietti agevolati potranno essere utilizzati esclusivamente, per il viaggio di andata, dal decimo giorno antecedente il giorno della consultazione elettorale (questo compreso) e, per il viaggio di ritorno, fino alle ore 24 del decimo giorno successivo al giorno della consultazione stessa. Lo stesso periodo è previsto anche in caso di secondo turno delle consultazioni elettorali.
I biglietti agevolati devono essere nominativi e potranno essere acquistati, di norma, solo per viaggi di andata e ritorno.
Altre informazioni sono disponibili sul sito web www.italotreno.it

C) La Società Trenord s.r.l., operante in Lombardia, applicherà le agevolazioni sul prezzo dei biglietti ferroviari in favore dei cittadini italiani residenti nel territorio nazionale o all'estero che si recheranno nella località sede elettorale di iscrizione al fine di esercitare il diritto di voto. Tali agevolazioni sono applicabili ai soli viaggi effettuati a tariffa regionale.
Per i viaggi degli elettori è previsto il rilascio di biglietti nominativi di andata e ritorno, con la riduzione del 60% sulle tariffe regionali n. 39. In tutti i casi le riduzioni sono applicabili per la 2^ classe.
L'agevolazione non è valida in 1^ classe e sui treni del servizio aeroportuale Malpensa Express nonché su titoli integrati. L'agevolazione prevista per gli elettori non è cumulabile con altre riduzioni e/o promozioni, fattasi eccezione per i possessori di Carta Blu che mantengono il diritto alla gratuità del viaggio per l'accompagnatore.
I biglietti agevolati potranno essere acquistati:
- presso le biglietterie di stazione, tramite carta di credito o prepagata, bancomat o contanti;
- a bordo treno con emissione da palmare tramite carta di credito o prepagata, bancomat o contanti.
Gli elettori, per poter usufruire dell'agevolazione, dovranno esibire al personale di Trenord addetto al controllo, sia presso le biglietterie di stazione che a bordo treno, la tessera elettorale e il documento di riconoscimento. Gli elettori residenti in Italia, se sprovvisti della tessera elettorale, potranno produrre una dichiarazione sostitutiva.
Per gli elettori residenti all'estero, l'emissione dei biglietti dovrà avvenire previa esibizione, oltre che della tessera elettorale, ove in loro possesso, della cartolina avviso o della dichiarazione delle Autorità consolari italiane attestante che il connazionale, titolare della dichiarazione stessa, si reca in Italia per esercitare il diritto di voto.
In ogni caso gli elettori, per poter usufruire delle agevolazioni, dovranno esibire nel viaggio di ritorno la tessera elettorale recante l'attestazione dell'avvenuta votazione.
I biglietti emessi in favore degli elettori residenti in Italia hanno un periodo di utilizzazione di venti giorni, che decorre, per il viaggio di andata, dal decimo giorno antecedente il giorno di votazione (questo compreso) e per il viaggio di ritorno fino alle ore 24 del decimo giorno successivo al giorno di votazione (questo escluso).
I biglietti emessi in favore degli elettori residenti all'estero hanno un periodo di utilizzazione di sessanta giorni. Il viaggio di andata può essere effettuato al massimo un mese prima dell'apertura del seggio e quello di ritorno al massimo un mese dopo la chiusura del seggio.
In ogni caso il viaggio di andata deve essere completato entro l'orario di chiusura delle operazioni di votazione e quello di ritorno non può avere inizio se non dopo l'apertura del seggio elettorale. Lo stesso periodo di utilizzazione è previsto anche in caso di secondo turno di consultazioni.
Qualora emessi separatamente, il biglietto per il viaggio di andata deve essere obbligatoriamente utilizzato prima di quello per il ritorno.
I biglietti per essere validi devono essere convalidati prima di iniziare sia il viaggio di andata che quello di ritorno.
Altre informazioni sono disponibili sul sito www.trenord.it

AGEVOLAZIONI PER I VIAGGI VIA MARE

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dato disposizioni alla Società Compagnia Italiana di Navigazione S.p.a (che effettua il servizio pubblico di collegamento con la Sardegna, la Sicilia e le Isole Tremiti) di applicare, per gli elettori che si recheranno a votare nel comune di propria iscrizione, la tariffa agevolata che prevede la riduzione del 60% del nolo passeggeri della sola “tariffa ordinaria”; nel caso di elettori cha abbiano diritto alla tariffa in qualità di residenti, si applicherà la “tariffa residenti”, ad eccezione dei casi in cui la tariffa “elettori” risultasse più vantaggiosa.
L'agevolazione viene accordata dietro presentazione della tessera elettorale e di un documento di riconoscimento. Nel viaggio di ritorno dovrà essere esibita la tessera elettorale, recante il timbro dell'ufficio elettorale di sezione.
La Regione Siciliana – Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità - inoltre ha fornito analoghe direttive alla Società Caronte & Tourist Isole Minori S.p.a. (che assicura il servizio pubblico di linea tra la Sicilia e le sue isole minori), ai fini dell'applicazione delle agevolazioni di viaggio agli elettori in occasione delle consultazioni elettorali in oggetto.

AGEVOLAZIONI AUTOSTRADALI

L'Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori (A.I.S.C.A.T.) ha reso noto che le Concessionarie autostradali aderiranno alla richiesta di esenzione dal pagamento del pedaggio su tutta la rete nazionale, con esclusione delle autostrade controllate con sistema di esazione di tipo “aperto” agli elettori italiani residenti all'estero sia per il viaggio di raggiungimento del seggio elettorale sia per quello di ritorno.
La validità dell'agevolazione avrà inizio, per il viaggio di andata, dalle ore 22,00 del quinto giorno precedente quello della consultazione e, per quello di rientro, dal giorno d'inizio delle operazioni di voto fino alle ore 22,00 del quinto giorno successivo.
L'elettore, per poter usufruire dell'agevolazione, dovrà esibire, per il viaggio di andata, la tessera elettorale o la cartolina-avviso inviatagli dal Comune di iscrizione elettorale o l'attestazione rilasciata dal Consolato della località di residenza e, per il viaggio di ritorno, la tessera elettorale opportunamente vidimata dal presidente del seggio dove è avvenuta la votazione.

AGEVOLAZIONI PER L'ACQUISTO DI BIGLIETTI AEREI

La compagnia Alitalia Società Aerea S.p.A., in occasione delle elezioni europee, applicherà uno sconto sul biglietto aereo per un volo nazionale, andata e ritorno, utilizzato per recarsi presso la sede del seggio elettorale.
Lo sconto, che non si aggiunge ad altre agevolazioni già in vigore e non si applica ai voli in codeshare, è pari a € 40 applicabile sulla tariffa del biglietto andata e ritorno, se superiore a € 40, escluse le tasse e i supplementi.
Lo sconto può essere utilizzato esclusivamente per prenotazioni contenenti un solo passeggero adulto. Per prenotazioni con più passeggeri adulti è possibile usufruire dello sconto effettuando acquisti separati per ciascun passeggero.
Il biglietto a prezzo agevolato è acquistabile sul sito della Compagnia.
Gli elettori interessati possono acquistare il biglietto fino al 26 maggio per partire tra il 18 maggio e il 26 maggio e rientrare dal 26 maggio al 2 giugno 2019.
Al momento del check-in e dell'imbarco il passeggero dovrà esibire la tessera elettorale o, qualora ne sia sprovvisto, per il viaggio di andata, dovrà sottoscrivere e presentare al personale di scalo una dichiarazione sostitutiva. Al ritorno, il passeggero dovrà esibire la propria tessera elettorale regolarmente timbrata dalla sezione elettorale, dimostrando così l'avvenuta votazione.
Per ulteriori informazioni, gli elettori interessati potranno visionare il sito della predetta Compagnia aerea: www.alitalia.com


SOSPENSIONE DELLE LEZIONI NELLE SCUOLE STATALI IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI


Su comunicazione dell'Istituto Comprensivo di Malalbergo e Baricella, si pubblica il seguente prospetto di svolgimento delle lezioni nelle scuole statali nel Comune di Malalbergo:

Primaria di Altedo:
Venerdì 24 maggio 2019
Lunedì 27 maggio 2019
Martedì 28 maggio 2019
Lezioni sospese in tutte le classi

Primaria di Malalbergo:
Venerdì 24 maggio 2019
Lunedì 27 maggio 2019
Martedì 28 maggio 2019
Lezioni sospese in tutte le classi

Secondaria di Altedo:
Lezioni regolari

Secondaria di Malalbergo:
Lezioni regolari%MCEPASTEBIN%

Come si vota

All'elettore saranno consegnate due schede di colore diverso:
- una scheda di colore MARRONE per l'elezione dei membri del Parlamento Europeo spettanti all'Italia;
- una scheda di colore AZZURRO per l'elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Malalbergo;

Per l'elezione dei membri del Parlamento Europeo spettanti all'Italia (scheda marrone) si vota disegnando una croce, con la matita copiativa, sul simbolo corrispondente alla lista prescelta. Si possono indicare fino a tre preferenze. I nomi dei tre candidati scelti si possono scrivere all'interno delle apposite righe, posizionate al fianco del rettangolo contenente il contrassegno della lista votata. Bisogna scrivere nome e cognome, oppure soltanto il cognome del candidato o dei candidati scelti.

Per l'elezione del Sindaco e del Consiglio comunale (scheda azzurra), ciascun elettore ha diritto di esprimere il voto, con la matita copiativa, tracciando un segno sul simbolo corrispondente alla lista prescelta o nel rettangolo che lo contiene. E' possibile indicare fino a due preferenze per candidati consiglieri compresi nella lista votata, purché di sesso diverso.

Le operazioni di scrutinio per le elezioni europee avranno inizio domenica 26 maggio, subito dopo la chiusura della votazione e l'accertamento del numero dei votanti.
Le operazioni di scrutinio per le elezioni comunali avranno inizio alle ore 14.00 del 27 maggio.



Informazioni per scrutatori e presidenti di seggio

Informazioni utili per chi lavora nei seggi elettorali

Chiunque svolga funzioni elettorali, come gli scrutatori e i presidenti di seggio, compresi i rappresentanti di lista o di gruppo di candidati, ha diritto di assentarsi dal lavoro per tutto il periodo delle operazioni; questo periodo è considerato a tutti gli effetti come attività lavorativa.

I soggetti di cui sopra, qualora siano lavoratori dipendenti, hanno diritto al pagamento di specifiche quote retributive in aggiunta alla retribuzione ordinaria o in alternativa a riposi compensativi per i giorni festivi o non lavorativi compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali.

Aspetti fiscali

Chiunque abbia fatto parte di un seggio elettorale in qualità di presidente di seggio o scrutatore, riceverà un compenso il cui importo è previsto dalla specifica normativa in vigore. Detto compenso non è assoggettabile a ritenute.

Rappresentanti di lista e loro designazione

Elezioni Amministrative Comunali: il ruolo dei rappresentanti di lista

I delegati di lista, indicati nel modello della dichiarazione di presentazione dei candidati alla carica di Sindaco e di consigliere comunale, sono autorizzati a designare presso gli Uffici Elettorali di sezione, due propri rappresentanti, uno effettivo e l'altro supplente, in modo da assicurare continuità nell'esercizio della funzione a loro demandata.

La designazione e la presenza dei rappresentanti di lista presso gli uffici predetti non è obbligatoria, ma facoltativa: la loro presenza è solo e soltanto nell'interesse della lista.

Tra i loro diritti, troviamo:

a) di assistere a tutte le operazioni dell'ufficio elettorale di sezione sedendo al tavolo dell'ufficio stesso o in prossimità, ma sempre in un luogo che consenta loro di seguire le operazioni;

b) di inserire succintamente nel verbale eventuali dichiarazioni;

c) di apporre la propria firma o il loro sigillo sulle strisce di chiusura dell'urna contenente le schede votate e la loro firma nel verbale, sui plichi contenenti gli atti della votazione e dello scrutinio, nonché sui mezzi di segnalazione apposti alle finestre ed agli accessi della sala della votazione.

Non possono, però, “toccare” le schede elettorali e, in generale, tutto il materiale del seggio elettorale, come i verbali o gli elenchi.

I rappresentanti di lista, per l'esercizio delle loro funzioni, sono autorizzati a portare un bracciale o un altro distintivo con riprodotto il contrassegno della lista da loro rappresentata.

Qualora ne facciano richiesta, possono assistere anche alle operazioni di raccolta del voto effettuate dal seggio speciale o dall'ufficio distaccato di sezione o dallo stesso ufficio distaccato incaricato della raccolta del voto a domicilio.

Se presenti, sono considerati, a tutti gli effetti, pubblici ufficiali, come gli altri componenti dell'Ufficio (articolo 40, ultimo comma, del d.P.R. 30 marzo 1957, n. 361); per i reati commessi in loro danno, di conseguenza, si procede con giudizio direttissimo (articolo 112 del d.P.R. 30 marzo 1957, n. 361).

Di riflesso possono incorrere nei reati di abuso d'ufficio, concussione, corruzione, peculato e rifiuto e omissione d'atti d'ufficio, oltre ai reati specifici contemplati dalla normativa elettorale.
I rappresentanti di lista che esercitino violenza o che, richiamati due volte, continuino a turbare gravemente il regolare procedimento delle operazioni possono essere allontanati dal seggio dal presidente, uditi gli altri componenti.
Se impediscono il regolare procedimento delle operazioni sono puniti con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da Euro 1.032,00 a Euro 2.065,00 (art. 96, ultimo comma, T.U. n. 570/1960 e successive modifiche ed integrazioni).

I rappresentanti, come gli altri componenti del seggio, sono tenuti a osservare limiti e divieti al trattamento di dati personali, anche di natura sensibile, nel rispetto del diritto alla riservatezza e del principio costituzionale della libertà e segretezza del voto.

In tale contesto, è illegittima la compilazione, da parte dei predetti soggetti, per una successiva utilizzazione da parte della stessa persona o della formazione politica di riferimento, di elenchi di persone che si siano astenute dal partecipare alla votazione o che abbiano votato (Garante per la protezione dei dati personali, provvedimento 6 marzo 2014).

Nulla vieta che un rappresentante di lista sia anche candidato alle elezioni e che un delegato di lista designi se stesso quale rappresentante.

Non possono, in ogni caso, svolgere le funzioni di rappresentante di lista gli appartenenti alle forze di polizia.

Gli atti di designazione (modulo parlamento europeo e modulo comunali) debbono essere presentati entro il venerdì che precede l'elezione alla segreteria del comune che provvede a curarne la trasmissione ai rispettivi presidenti di seggio.
In questo caso ricade in capo al segretario comunale il controllo della regolarità delle designazioni sulla scorta degli atti in suo possesso. Le designazioni saranno, poi, inserite nella cartella destinata ai Presidenti degli uffici elettorali di sezione.

Le designazioni possono essere anche presentate direttamente dagli interessati ai singoli presidenti delle sezioni il sabato pomeriggio durante le operazioni di autenticazione delle schede o la domenica mattina, purché prima che abbiano inizio le operazioni di votazione.

I presidenti di seggio, all'atto della designazione dei rappresentanti di lista, devono verificarne la regolarità, avendo presente che:

1. la designazione è ammissibile solo se fatta da uno dei delegati indicati nella dichiarazione di presentazione della lista dei candidati (l'elenco dei delegati è a disposizione del seggio);

2. il rappresentante di lista designato, oltre ad avere un documento di riconoscimento, deve essere elettore del comune: tale requisito può essere
accertato dalla tessera elettorale in possesso del designato;

3. il rappresentante di lista deve saper “leggere e scrivere”: tale requisito può essere accertato nel modo ritenuto più opportuno;

4. la designazione deve essere fatta per iscritto e la firma dei delegati deve essere autenticata da uno dei soggetti di cui all'art. 14 della legge n. 53/1990 e successive modifiche ed integrazioni.
In base a tale disposizione normativa sono competenti ad eseguire le autenticazioni, non attribuite esclusivamente ai notai e previste da leggi elettorali: i notai stessi; i giudici di pace; i cancellieri e i collaboratori delle cancellerie delle corti di appello, dei tribunali e delle sezioni distaccate di tribunale; i segretari delle procure della Repubblica; i presidenti delle provincie, i sindaci; gli assessori comunali e provinciali; i presidenti dei consigli comunali; i presidenti e i vice presidenti dei consigli circoscrizionali; i segretari comunali e provinciali; i funzionari incaricati dal sindaco o dal presidente della provincia; i consiglieri provinciali e i consiglieri comunali che comunichino la propria disponibilità.
Il Ministero della Giustizia ha precisato che i pubblici ufficiali ai quali è affidata la funzione di autenticare le firme dispongono di tale potere esclusivamente nel territorio di competenza dell'ufficio di cui sono titolari.
 
Le modalità di autenticazione devono essere quelle di cui all'articolo 21, comma 2, del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, a norma del quale:

• l'autenticazione deve essere redatta di seguito alla sottoscrizione e consiste nell'attestazione, da parte del pubblico ufficiale, che la sottoscrizione stessa è apposta in sua presenza previo accertamento dell'identità della persona che sottoscrive;

• Il pubblico ufficiale che autentica deve indicare le modalità di identificazione, la data ed il luogo dell'autenticazione, il proprio nome e cognome e la qualifica rivestita e deve apporre la propria firma per esteso ed il timbro dell'ufficio.

Tra le modalità di identificazione è da comprendere la conoscenza personale da parte del pubblico ufficiale (Consiglio di Stato Sezione quinta, sentenza 15 aprile 2004, n. 2152 ).

Ed ancora…sempre il Consiglio di Stato, ha stabilito, con altre due sentenze, che: “È irrilevante l'omessa indicazione del nome e cognome del pubblico ufficiale che ha proceduto all'autenticazione quando, tramite la sua firma, può facilmente essere individuata sia la persona che la qualità del soggetto autenticante. È irrilevante l'omesso uso del timbro dell'ufficio nel caso di autenticazione effettuata da un consigliere comunale.» “ (Consiglio di Stato, Sezione terza, sentenza 16 maggio 2016, n. 1990) “Sono regolari le autenticazioni delle firme nelle quali la sottoscrizione dell'autorità autenticante sia illeggibile, ma sia posta sul timbro con il suo nome”. (Consiglio di Stato, Sezione quinta, decisione 7 novembre 2006, n. 6545)

Qualora le condizioni elencate non ricorrano in tutto o in parte o non siano comprovate, il presidente non può ammettere le persone designate ad assistere alle operazioni elettorali.

Poiché le designazioni per tutte le sezioni del comune possono essere contenute in un unico atto, al presidente di seggio potrà essere presentato un estratto, debitamente autenticato, con le modalità sopra indicate, contenente le designazioni relative alla rispettiva sezione.
E' preferibile, però, predisporre tanti atti separati per quante sono le sezioni.

La legge riconosce ai lavoratori che adempiono alle funzioni di rappresentante di lista presso gli uffici elettorali il diritto di assentarsi dal lavoro per tutto il periodo necessario alle operazioni stesse.
Tale diritto consiste nel pagamento di specifiche quote retributive in aggiunta all'ordinaria retribuzione, ovvero a riposi compensativi, per i giorni festivi o non lavorativi eventualmente compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali. Spetta comunque al lavoratore documentare al proprio datore di lavoro lo svolgimento di tale attività presso i seggi elettorali presentando il certificato del Presidente del seggio che indica data, orario di inizio e chiusura delle operazioni.

Modulistica

DESIGNAZIONE DEI DUE RAPPRESENTANTI DI LISTA PRESSO I SEGGI - modulo comunali
DESIGNAZIONE DEI DUE RAPPRESENTANTI DI LISTA PRESSO I SEGGI - modulo Parlamento europeo
DICHIARAZIONE DI ACCETTAZIONE DELLA CANDIDATURA ALLA CARICA DI CONSIGLIERE COMUNALE - ALLEGATO 7
DICHIARAZIONE DI ACCETTAZIONE DELLA CANDIDATURA ALLA CARICA DI SINDACO - ALLEGATO 4
DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITÀ DEL CONSIGLIERE COMUNALE AD AUTENTICARE LE FIRME PER ELEZIONI
Dichiarazione voto domiciliare per il 26/05/2019
Domanda cittadini UE per Amministrative
Istanza per la richiesta di annotazione permanente del diritto di voto assistito (resa dall'interessato)
Istanza per la richiesta di annotazione permanente del diritto di voto assistito (resa nell'interesse di persona impedita)
PRESENTAZIONE DI UNA CANDIDATURA A SINDACO E DI UNA LISTA DEI CANDIDATI ALLE ELEZIONI COMUNALI - ALLEGATO 1
PRESENTAZIONE DI UNA CANDIDATURA A SINDACO E DI UNA LISTA DEI CANDIDATI ALLE ELEZIONI COMUNALI - ATTO SEPARATO - ALLEGATO 2
PROSPETTO ESEMPLIFICATIVO delle PROPORZIONE delle RAPPRESENTANZE di GENERE
Allegati alla pagina
Istruzioni per la presentazione e l'ammissione delle candidature
Dimensione file: 2192 kB [Nuova finestra]
ALLEGATO A della D.G. n. 73 del 30/08/2018
Dimensione file: 56 kB [Nuova finestra]
UBICAZIONE SPAZI DI PROPAGANDA DIRETTA
Dimensione file: 15 kB [Nuova finestra]
AMBULATORI MEDICO LEGALI – AREA TERRITORIALE NORD
Dimensione file: 284 kB [Nuova finestra]
Lista n. 2 – LA NUOVA MALALBERGO - LOSCERBO SINDACO
Dimensione file: 132 kB [Nuova finestra]
Lista n. 3 – PER UN FUTURO CONCRETO - MONIA GIOVANNINI SINDACO
Dimensione file: 830 kB [Nuova finestra]
Lista n. 4 – MASSIMILIANO VOGLI SINDACO DI TUTTI
Dimensione file: 984 kB [Nuova finestra]
Europee 2019 - Fac-simile scheda
Dimensione file: 1466 kB [Nuova finestra]
ASSEGNAZIONE SPAZI PROPAGANDA - PARLAMENTO EUROPEO
Dimensione file: 1314 kB [Nuova finestra]
ASSEGNAZIONE SPAZI PROPAGANDA - SINDACO E CONSIGLIO COMUNALE
Dimensione file: 132 kB [Nuova finestra]
Elezioni Amministrative - Fac-simile scheda
Dimensione file: 274 kB [Nuova finestra]
Tutte le liste dei candidati
Dimensione file: 49 kB [Nuova finestra]
Manifesto eletti alla carica di sindaco e consigliere comunale
Dimensione file: 109 kB [Nuova finestra]
Manifesto deposito in segreteria verbali di sezione
Dimensione file: 18 kB [Nuova finestra]
Composizione della Giunta e del Consiglio Comunale
Dimensione file: 251 kB [Nuova finestra]
width=
Anagrafica dell'Ente
Comune di Malalbergo
Piazza dell'Unità d'Italia 2
40051 Malalbergo (BO)
Tel. centralino 051.662.02.11
PEC: comune.malalbergo@cert.provincia.bo.it
Codice Fiscale: 80008310379
Partita IVA: 00701931206

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web.
XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La redazione e la gestione di questo sito è a cura dell'URP del Comune di Malalbergo.
Pubblicato nel febbraio 2017
Sito realizzato da Punto Triplo

Area riservata