Condividi

1) IUC - Imposta Unica Comunale (TASI - TARI - IMU) anno 2019

INFORMATIVA

La “legge di stabilità 2014” n. 147 del 27.12.2013 ha istituito dal 1° gennaio 2014 l'Imposta Unica Comunale (IUC) che si compone dell'Imposta Municipale Propria (IMU) , di natura patrimoniale e dovuta dal possessore di immobili escluse le abitazioni principali, di una componente riferita ai servizi, a sua volta articolata nel Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) e nella Tassa sui Rifiuti (TARI) destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

La disciplina della IUC, contenuta nella legge n. 147/2013 è integrata dai Regolamenti comunali cui spetta il compito di definire nel dettaglio alcuni aspetti di rilievo relativi all'applicazione delle singole componenti dell'imposta.


IUC – IMU/TASI del 2019

NESSUNA MODIFICA RISPETTO AL 2018.

Si riportano le principali informazioni:

1. Abitazione principale – E' prevista l'esenzione TASI/IMU per le abitazioni principali e relative pertinenze (escluse A1-A8-A9) – (l'esenzione è soggettiva, per ogni proprietario va verificata la destinazione del fabbricato)

2. Terreni agricoli – E' prevista l'esenzione IMU per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori professionali (CD e IAP) – (l'esenzione è soggettiva, vale per i proprietari che possiedono e conducono). Non è dovuta la TASI

3. Comodati –E' prevista la riduzione del 50 % della base imponibile IMU per le unità immobiliari (escluse A1-A8-A9) utilizzate da parenti con condizioni, previste dalla legge, molto stringenti.
Novità 2019: estensione della riduzione del 50% della base imponibile IMU-TASI prevista per gli immobili concessi in comodato d'uso a parenti in linea retta, in caso di decesso del comodatario, anche al coniuge di quest'ultimo (solo se sono presenti figli minori)

Devono essere posseduti tutti i seguenti requisiti:
a. Abitazioni concesse in comodato a parenti in linea retta entro il primo grado (genitori/figli)
b. Il comodatario (utilizzatore) deve essere residente nel fabbricato concesso in comodato
c. Il comodante (proprietario) deve risiedere nello stesso Comune del comodatario
d. Il comodante NON deve possedere altri immobili in Italia ad eccezione dell'abitazione principale (escluse A1/A8/A9)
e. Il contratto di comodato deve essere registrato
f. Il possesso dei requisiti dovrà essere attestato con la presentazione dell'ordinaria Dichiarazione IMU entro il 30/06/2020

4. Contratti a canone concordato – E' prevista la riduzione del 25% dell'aliquota IMU deliberata dal Comune per gli “Altri Immobili” per i fabbricati locati a canone concordato di cui alla Legge 431/1998.
Al fine di applicare la riduzione il contribuente è tenuto a presentare la Dichiarazione IMU entro il 30/06/2020.
Nel Comune di Malalbergo la TASI non è dovuta dai locatari di unità immobiliari abitative.

Dal 01/03/2018 occorre presentare anche l'Attestazione di rispondenza del contratto di locazione agli accordi
In attuazione di quanto disposto dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 16 gennaio 2017, con gli accordi del 26 settembre 2017 applicabili nel territorio metropolitano di Bologna, le organizzazioni sindacali dei proprietari e degli inquilini hanno convenuto sull'opportunità di prevedere un'apposita attestazione che dovrà essere rilasciata congiuntamente da una organizzazione della proprietà edilizia e da una dei conduttori firmatarie dell'accordo, tramite l'elaborazione e la consegna di una modulistica atta a documentare alla pubblica amministrazione la sussistenza di tutti gli elementi utili ad accertare il rispetto sostanziale dell'accordo, anche con riguardo alle agevolazioni fiscali.
Per poter fruire delle agevolazioni IMU previste per la locazione a canone concordato per i contratti stipulati a partire dal 1 marzo 2018 (data di avvio delle procedure di attestazione) è necessaria l'attestazione di rispondenza dal contratto da parte delle organizzazioni Sindacali che hanno sottoscritto l'accordo.
L'attestazione non è necessaria per poter applicare le agevolazioni IMU ai contratti concordati stipulati fino al 28 febbraio 2018.
Dal 1° marzo 2018 le parti (locatore e locatario) nel predisporre il contratto di locazione concordato potranno quindi scegliere di farsi assistere, nella determinazione del canone, dalle rispettive organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori (l'assistenza dovrà essere fornita da entrambe le organizzazioni sindacali).
Chi non si farà assistere dalle organizzazioni, per poter fruire delle agevolazioni IMU, dovrà comunque richiedere alle organizzazioni stesse il rilascio dell'attestazione di conformità del contratto di locazione all'accordo territoriale. Per l'area di Bologna l'attestazione di conformità, secondo quanto previsto dall'art. 13 dell'accordo, dovrà essere rilasciata congiuntamente da due organizzazioni sindacali di cui una delle proprietà edilizia e una dei conduttori.

5. Aree edificabili - La Giunta Comunale ha approvato con Delibera n. 26 del 04/05/2017 e il relativo allegato, nuovi criteri di stima delle aree edificabili per la determinazione dei valori di riferimento ai fini dell'applicazione dell'IMU.

Per l'anno 2019 i valori di riferimento delle aree edificabili sono stati rivalutati dello 0,6% con determina del Responsabile dell'Ufficio tecnico n.153 del 22/03/2019  e sono i seguenti:



Per ulteriori informazioni in merito alle aree edificabili contattare Ufficio Tributi allo 051/6620260 oppure Ufficio Tecnico allo 051/6620253

Si fornisce di seguito una guida per il contribuente, ripartita per le singole componenti del tributo, indicando inoltre un riepilogo con le scadenze 2019 di ogni singola componente della IUC:

Scadenze TASI - TARI - IMU 2019

Aliquote e detrazioni TASI - IMU

CALCOLATORE IUC 2019
 

Anche per l'anno 2019, l'Amministrazione Comunale ha ritenuto utile proporre, in collaborazione con ANUTEL, questo software che agevola nel calcolo delle imposte e nella compilazione del modello F24 da utilizzare per il versamento.

Il risultato del calcolo dipende dalla correttezza e dalla coerenza
dei dati inseriti dall'utente stesso.
Si ricorda che per loro natura l'IMU e la TASI sono imposte con adempimenti di denuncia, autoliquidazione e versamento spontanei da parte del contribuente che rimane, comunque, l'unico responsabile degli esatti adempimenti.
L'Amministrazione Comunale non è responsabile di errori dovuti all'inserimento di dati non esatti, o ad errata interpretazione del presente schema di calcolo.

clicca sull'immagine!

Calcolatore IMU/TASI


Per ogni informazione i contribuenti possono consultare questo sito o rivolgersi direttamente all'Ufficio Tributi (Tel. 051/6620260) nei seguenti orari:

Martedì – Venerdì – Sabato dalle ore 8,30 alle ore 12,30
Giovedì dalle ore 14,30 alle ore 17,45 (8,30-12,30 dal 1 luglio al 31 agosto)

Schede informative IUC

Normativa

- IUC (Imposta Unica Comunale): Regolamento per l'applicazione della tassa sui rifiuti (TARI) 2016
- IUC (Imposta Unica Comunale): Regolamento per la disciplina dell’imposta municipale propria (IMU)
- IUC (Imposta Unica Comunale): Regolamento per l’applicazione del tributo sui servizi indivisibili (TASI)
Determinazione Aliquote IMU 2015 (Delibera Consiglio Comunale n. 15 del 23/03/2015)
Determinazione delle aliquote TASI - anno 2015 (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 23/03/2015)
Determinazione delle tariffe del servizio di gestione dei rifiuti (TARI) per l'anno 2019
Delibera C.C. 7 del 28/03/2019
Regolamento Comunale per l'approvazione del diritto di interpello in materia di tributi locali (Del. C.C. 24/2016)
Rivalutazione valori aree edificabili anno 2019
Determina n.153 del 22/03/2019

Modulistica

Dichiarazione TARI - utenze domestiche
Dichiarazione TARI - utenze non domestiche
istanza rimborso IMU
Prospetto per Ravvedimento Operoso IMU - TASI
Richiesta di rimborso per erroneo pagamento
Richiesta rateazione tributi Persone Fisiche
Richiesta rateazione tributi Persone Giuridiche
Richiesta riduzione TARI - utenze non domestiche (per avvio al riciclo di rifiuti assimilati)
Richiesta riduzione TARI - utenze non domestiche (per imprese che assumono)
width=
Anagrafica dell'Ente
Comune di Malalbergo
Piazza dell'Unità d'Italia 2
40051 Malalbergo (BO)
Tel. centralino 051.662.02.11
PEC: comune.malalbergo@cert.provincia.bo.it
Codice Fiscale: 80008310379
Partita IVA: 00701931206

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web.
XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La redazione e la gestione di questo sito è a cura dell'URP del Comune di Malalbergo.
Pubblicato nel febbraio 2017
Sito realizzato da Punto Triplo

Area riservata